venerdì 3 aprile 2015

ArrowMania, "This is the best way to save lives. Including yours"

Sono ancora in fase di elaborazione. Una puntata da 10 e lode, solo perché non ho altri metri di giudizio con cui esprimermi ma se potessi andrei ben oltre questo status di merito che poi subito dopo ho visto il promo con i cinque episodio restanti e ....NO. Non possono mettere di fila certe bombe, ne va della salute mentale delle persone. Ma passiamo oltre e parliamo della puntata.


Non so da dove iniziare perché quest'episodio è stato bello sotto moti aspetti. Intanto, rispetto al 'flop' dello scorso questo è stato di un livello superiore; incentrata su Oliver, su Arrow e piena di suspance e scene da cardiopalma.
Ma una ripresa simile me l'aspettavo perché la stagione è ormai caratterizzata da questa altalena e anche perché questo show ha una particolarità rispetto a tutti gli altri: quando si tratta dei momenti che hanno a che fare con il finale di stagione, sono sempre con il botto - non penso che questa terza sia da meno.


Insomma Maseo aveva puntato proprio ad uccidere Felicity e per una vota mi tocca dire: "Bravo Ray!" , anche se sputacchiava via un polmone non ho potuto far a meno di volare tra i miei pensieri Olicity. Che poi questo Ray è proprio intelligente, tutta questa roba della nano tecnologia sarà vera? Sai i progressi enormi della medicina?! Ray dicci i tuoi segreti, potresti salvare il mondo! 
Che poi, beato lui che riesce a fare ironia quando gli stanno dicendo che è morto in ogni caso, insomma sei vivo grazie a Mamma Smoak che ha deciso di arrivare in città al momento giusto! E qui ci addentriamo in uno dei personaggi più belli di tutta la stagione: Donna, che già nel quinto episodio ci aveva rapiti con la sua ironia e un fisico da far paura, che nulla ha in comune con la figlia se non la forza di spirito, è tornata con un tempismo dei migliori - se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno. Insomma, lei arriva e fa notare alla figlia che bisogna correre rischi per le persone che si amano e la spinge ad iniettare dei mini robots nel cervello di Ray. Ma la mamma è sempre la mamma e dà  il suo meglio quando Felicity esce sconvolta dalla stanza del futuro ex fidanzato dopo non aver ricambiato il 'Ti Amo' - che a parer mio arriva un po' tra capo e collo neanche 12 ore dopo che lui aveva aperto le fauci dell'inferno perché non si fidava di lei, ma potrei chiudere un occhio. Lei si chiede perché un nerd come lui travestito da prince charming della Disney, un uomo perfetto che tanto aveva desiderato, la fa scappare senza riuscire a ricambiare i suoi sentimenti. Qua mamma Smoak ci illumina tutti del colore della sua chioma lucente dicendo alla figlia "Non sei innamorata di Ray perché sei innamorata di Oliver." "Tu non conosci Oliver, lo hai incontrato per dieci secondi." "Me ne sono bastati cinque. Quando è entrato nella stanza ti sei illuminata come un albero di Natale!" - Donna, io vorrei tanto conoscerti di persona per stringerti la mano, perché noi urliamo alla tv queste cose da ben 18 episodi, capisci la frustrazione, vero?


L'episodio si è svolto in pratica sulla ricerca matta e disperata di un unico uomo in tutta la città: Arrow. Le scene in cui gli eroi mascherati sono braccati dalla polizia per ogni dove è stata da...WOW, avevo letteralmente gli occhi sbarrati, fatta davvero bene ed epica - anche se la macchina della polizia sul tetto era un pochino sopra le righe - come lo è stato anche l'incontro tra Ra's e il capitano Lance. Due padri, due uomini forti, due uomini che hanno in comune più di quanto credano. Ed entrambi vogliono una cosa: prendere Arrow, così Ra's lo usa come arma rivelandogli la vera identità dell'uomo in verde ed insinuando nella sua testa ancora una volta la frottola che Sara è morta a causa sua, che tutto quel circolo di dolore è iniziato a casa sua e si convince che sia giunto il momento di farlo finire. 



Oliver è messo alle strette: o diventa il prossimo capo della Lega o passerà la vita in prigione. 
Nonostante l'ennesimo ultimatum si Ra's, Oliver non cede anche se tra le prospettive poco rosee che gli si presentano forse diventare la prossima generazione del Demone sarebbe stata agli occhi di tutti di gran lunga più interessante che passare una vita in prigione, se non altro più utile. Ma Oliver vede un unico modo per uscire da quella situazione: costituirsi.
L'ennesimo atto di eroismo di Oliver è quello di prendersi la colpa di tutta quella farsa di maschere a cui aveva dato inizio per salvare i propri amici, per dare loro la completa immunità e si consegna alla polizia, non come Arrow, il Robin Hood dei poveri ma come Oliver Queen - che questo sia l'inizio dell'accettazione della sua identità? Forse è l'inizio della fine, dato che mancano pochi episodi al finale di stagione.

 

Inutile dire che i suoi amici non sono d'accordo con la sua decisione ma lui, in quanto leader, esordisce dicendo: "Mi avete seguito fino a qui, vi chiedo di seguirmi ancora, fino alla fine". Inutile sottolineare che Oliver si sente in colpa, perché tutto quello che voleva fare sin dall'inizio era aiutare la sua città e non mettere chi come lui aveva questo desiderio nella situazione di non poter aiutare la polizia quanto invece essere inseguito da essa. E mentre Lance lo prende a schiaffi, visto che si sta facendo un po' prendere la mano da questa cosa della rabbia incontrollata verso Oliver/Arrow - che poi mica era compito suo dirgli che Sara era morta, insomma di figlie ne aveva due, forse spettava a Laurel parlargliene, ma la storia a qualche parte deve pure appigliarsi - i suoi compagni non si danno per vinti e pensano come avrebbe fatto Oliver al posto loro. Una scena molto forte che ci mostra quanto sia profondo il legame tra Roy ed Oliver; lui ha dato uno scopo al ragazzo scapestrato che faceva il ladruncolo nei sobborghi del Glades tanto che questo decide di consegnarsi alla polizia sotto le false spoglie di Arrow - roba forte!


Ancora devo ben metabolizzare, soprattutto questa storia che tutti sanno chi è chi, non è e chi potrebbe essere Arrow, ma per tutto l'episodio non ho trovato un personaggio fuori posto. Sono stati eccezionali tutti ed Amell con la sua gestualità facciale mi lascia sempre spiazzata dalla sua bravura; ad ogni episodio mi convince sempre di più di quanto sia perfetto per il ruolo ma, oltre lui, dò una medaglia al merito a Colton in quest'episodio che ha davvero superato le mie aspettative, calandosi alla perfezione nel ruolo di Arsenal come mai lo aveva fatto. Vedo grandi cose nella prossima stagione per il suo personaggio.

Adesso, si può andare in pausa dopo una puntata simile? Ci vogliono proprio male!
Purtroppo però non resta altro che aspettare e vedere i prossimi episodi perché nella storyline è proprio adesso che inizia il bello.


Nessun commento:

Posta un commento